01/02/2012-01/02/2013

Un anno fa è iniziata l’avventura!!!
Sembra ieri che siamo partiti dalla mia amata Genova bloccata dalla neve.

Mi ricordo ancora il mix di emozioni…da un lato ero elettrizzata dal pensiero di iniziare una nuova vita, dall’altro ero disperata perchè stavo abbandonando a tutti gli effetti quella che fino a quel momento era stata la mia esistenza.
Alla stazione non riuscivo a trattenere le lacrime. La mia mamma mi guardava con i suoi occhioni verdi e neanche lei riusciva a smettere di piangere. Mentre mio padre con il suo solito modo scherzoso cercava di sdrammatizzare quel momendo tristissimo per tutti.
Ancora adesso a pensarci mi sale un nodo strettissimo alla gola e faccio fatica a trattenere l’emozione.
Ho continuato a piangere quel giorno, sul treno prima, sull’aereo poi…ho smesso solo verso la fine del viaggio, quando ho capito che stavamo per atterrare e quelli che erano i discorsi visionari che da mesi intrattenevano le nostre giornate, si stavano ormai concretizzando in qualcosa di reale: eravamo in Olanda, che da quel giorno sarebbe diventata la nostra nuova casa.

All’aereoporto ad attenderci Harmen,  pronto ad accoglierci nella sua casa e nella sua vita, e ad aiutarci nei nostri primi passi in terra Nederlandese.
Arrivare in un Paese nuovo e trovare la propria migliore amica ad aspettarti, felice ed elettrizzata quanto te per l’inizio di  nuova avventura non e’ cosa da poco. Dopo tanti anni di lontananza ritrovarsi sotto lo stesso cielo e poter rivivere la quotidianità  mi ha riempito le giornate e il cuore. Per non parlare della piccola Asietta che ci ha acconti nel suo mondo donandoci momenti meravigliosi che resteranno per sempre impressi nella nostra mente. E’ stata una gioia immensa condividere con lei i primi mesi, vederla crescere giorno dopo giorno, sentire le sue prime parole, vederla prendere confidenza con noi. All’inizio non ci guardava neanche in faccia, poi piano piano…Ha iniziato a venire tutte le mattine in camera nostra per svegliarci, accarezzandoci dolcemente con le sue manine, come solo una bimba di un anno e mezzo sa fare…a chiamarci con la sua vocina “Lessia…Nefano…”, ad avere quei rituali immancabili come il fare “Olè con Nefano” o ballare la baby dance con me. Credo che senza la nostra “famiglia” italo-olandese e la nostra piccola Pessina sarebbe stato tutto più difficile.

Ci sono stati anche momenti tosti..abituarsi a un nuovo Paese e di conseguenza una nuova cultura non è cosa semplice, soprattutto a 30 anni! Per non parlare dell’inglese…quando siamo arrivati qui non eravamo affatto fluenti, eppure ce l’abbiamo fatta! Grazie alla nostra insegnante privata (Lucia) abbiamo iniziato a studiare, a prepararci per i colloqui e a prendere confidenza con una lingua imparata sui banchi di scuola ma di fatto mai sentita veramente nostra! Non che ora sia diverso, intendiamoci 🙂

In questo anno abbiamo capito profondamente cosa significa avere DETERMINAZIONE…con la determinazione si smuovono le montagne…e si affronta tutto ciò che nella vita ti si presenta davanti.
In un anno le nostre vite sono cambiate radicalmente…viviamo in un Paese straniero, abbiamo due nuovi  lavori, nuovi amici, abitudini completamente diverse…proprio oggi dicevamo che a Genova persino per andare alla Pam prendevamo lo scooter, invece qui ci muoviamo solo in bicicletta, a piedi o con i mezzi pubblici. Abbiamo ritmi più rilassati nonostante lavoriamo entrambi 8 ore al giorno, e ne passiamo in media due in viaggio per raggiungere l’azienda e per tornare a casa.

Certo non sempre è tutto roseo come si può pensare. A volte ci vengono le crisi di malinconia e pensiamo al modo per poter tornare in Italia, immaginando di poter vivere una vita semplice ma serena come quella che stiamo vivendo qui, ma vicino ai nostri cari. Purtroppo ci sembra un’utopia ancora un pò lontana, ma contiamo di riuscirci, prima o poi….d’altronde la DETERMINAZIONE quando è il momento ci servirà anche al contrario.
Per il momento però ce ne stiamo ancora un pò al Nord…ci godiamo questo meraviglioso Paese che ci ha dato la possibilità di rimetterci in gioco e che non smette mai di stupirci.
Poteva essere un flop…la paura più grande era quella…tornare a casa dopo due mesi, con le famose pive nel sacco…invece è stato un successo…la realtà ha superato le aspettative più ottimiste che potevamo avere in mente.
Per questo io dico sempre PROVATECI!!!! Se non ci avessimo provato e ci fossimo fatti fermare dalla paura di non farcela non avremmo mai assaporato questa sensazione di VITTORIA che proviamo oggi voltandoci indietro e guardando quello che abbiamo costruito negli ultimi 365 giorni!

Alessia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in generalizzando. Contrassegna il permalink.

Una risposta a 01/02/2012-01/02/2013

  1. LeLutka ha detto:

    so cosa vuol dire… 🙂 anche io l'ho passato, ed è meraviglioso tutto quello che si vive qui in Olanda. E sono d'accordo con te: solo con la determinazione si va avanti!!!

NON ESSERE TIRCHIO...LASCIACI UN TUO COMMENTO! ;-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...