IL CUORE OLTRE L’OSTACOLO

Qualche settimana fa, ho ascoltato con particolare attenzione la solita mezz’ora che DeeJay Chiama Italia dedica ad un ospite. Solitamente si tratta di persone conosciute al grande pubblico, ossia dei Vip. Attori, cantanti, scrittori presentano la loro ultima fatica professionale incalzati dalle domande dei padroni di casa Linus e Nicola. E di fatica, soprattutto quella fisica, ne ha parlato Ivana Di Martino fino a quel giorno sconosciuta ai più, me compreso. Quarant’anni, mamma di tre figli, un lavoro part-time e una passione sfrenata per la corsa, Ivana ha presentato il suo progetto itinerante e cioè correre 21 mezze maratone (21,0975 Km), in 21 giorni e 21 località italiane diverse C’è un piccolissimo particolare: la protagonista della straordinaria impresa ha subìto due operazioni al cuore! Ovviamente non sto parlando di una sprovveduta. Nel suo lungo “giro d’Italia”, Ivana sarà seguita da un team composto da preparatori atletici, fisioterapisti e operatori del Centro Cardiologico Monzino. La prima tappa è coincisa con la Milano City Marathon di domenica scorsa 7 aprile, mentre il traguardo sarà tagliato a Monza giorno 27. Nel mezzo tappe previste a Medolla (Mo), alle Cinque Terre, a L’Aquila e a Brindisi, un modo questo di ricordare alcuni luoghi colpiti da calamità naturali o come nel caso del capoluogo pugliese, scosso dal vile attentato alla scuola media “Morvillo-Falcone” che ha causato la morte di una giovane studentessa. Alla fine del suo intervento in radio, sono andato subito a leggere il suo blog http://21voltedonna.wordpress.com per capire e conoscere tutto di questa Wonder Woman italiana.  Sì perchè una mamma con tanti impegni professionali, familiari e con qualche problema al cuore ma che riesce a compiere un’impresa di cotanta fatica…beh non può che non essere paragonata all’eroina a stelle strisce creata da William Moulton Marston. RUN IVANA RUN!!!Stefano

Ivana Di Martino alla sua quarta tappa
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in correre...che passione!. Contrassegna il permalink.